Cerca nel blog

martedì 10 luglio 2012

Referendum abrogazione parziale indennità parlamentari: fimare entro il 26 luglio



Alzi la mano chi sapeva che presso i Comuni è possibile firmare per un Referendum abrogativo parziale sulla legge per le indennità parlamentari (Art. 2 L. 31/10/1965, n. 1261).
Ecco un referendum, l’ennesimo, che però ha uno scopo ben preciso: il taglio degli stipendi della casta politica.
La raccolta firme si concluderà il 30 luglio 2012 (termine per la presentazione al Comitato promotore 31/07/2012).

Per fare in modo che il referendum abbia corso, basta recarsi presso il proprio Comune ed andare a firmare.

E' un po' strano che questa notizia abbia avuto gran poca eco da parte della stampa per cui ritengo sia importante diffonderla, con qualsiasi mezzo possiile, anche i nostri blog, dato che per l'effettuazione del referendum ci vogliono almeno 500.000 firme.

Riporto di seguito l'articolo 2 della Legge 31 Ottobre 1965, n. 1261; tutto il testo è visibile QUI

Ai membri del Parlamento è corrisposta inoltre una diaria a titolo di rimborso delle spese di soggiorno a Roma. Gli Uffici di Presidenza delle due Camere ne determinano l’ammontare sulla base di 15 giorni di presenza per ogni mese ed in misura non superiore all’indennità di missione giornaliera prevista per i magistrati con funzioni di Presidente di Sezione della Corte di Cassazione ed equiparate; possono altresì stabilire le modalità per le ritenute da effettuarsi per ogni assenza dalle sedute e delle Commissioni.

Non lascimoci scappare questa occasione poichè questo referendum rappresenta un primo passo necessario per iniziare a ridurre gli sprechi pagati di tasca nostra al mondo della politica.

Vi chiedo quindi di far girare e di recarvi al vostro Comune per firmare per il referendum.


1 commento:

  1. Desi un regalo xte ti aspetta nella mia soffitta..quando vuoi!

    RispondiElimina

Se passi a trovarmi, lascia un commento. Grazie.