Cerca nel blog

venerdì 18 gennaio 2013

Domenica con il torcolato!


Sperando che il tempo sia clemente, vi suggerisco per questo fine settimana una tappa in quel di Breganze, sempre nella mia amata provincia di Vicenza per partecipare alla prima del Torcolato Doc Breganze, tradizionale appuntamento con un sensazionale Passito bianco della Pedemontana vicentina.
E' un’occasione per assaggiare il vino bianco dolce che nasce dalla spremitura dell’uva vespaiola, fatta appassire nei fruttai e nei solai dei produttori; si potrà assistere alla scenografica spremitura in piazza, effettuata con un antico torchio del 1930.
Tanti sono gli appuntamenti in programma: dalla possibilità di vistare le cantine aderenti all’iniziativa Fruttaio Tour®, per vedere dove e come nasce il Torcolato, che saranno aperte dalle 10 alle 12.30 e dalle 17 alle 19, a momenti folcloristici. Per l’occasione, inoltre, i produttori, riuniti nel Consorzio Tutela Vini Doc Breganze e nell’Associazione Strada del Torcolato e dei Vini di Breganze, hanno deciso di tentare un’impresa “mondiale”. Da secoli, nelle cantine della zona, il metodo adottato per asciugare l’uva appena vendemmiata e produrre il vino dolce, consiste, appunto, nell’attorcigliare i grappoli freschi a uno spago (da cui deriva il nome TORCOLATO), creando delle trecce che sono poi appese, per tre-quattro mesi, ad appassire. Ebbene: da quest’anno il Torcolato potrà vantare la treccia d’uva più lunga del mondo, che sarà issata sul campanile della Chiesa di Breganze, che vanta un altro primato e cioè quello di essere la seconda torre campanaria più alta del Veneto.

Qualche parola in più sul Torcolato, un vino da meditazione raro e prezioso prodotto dalla vinificazione di uva vespaiola, varietà autoctona, appassita per alcuni mesi dopo la vendemmia. Alla vista si presenta di color giallo oro carico con riflessi ambrati; all’olfatto è fine e complesso con intensi profumi di miele, uva passa, frutta matura; il gusto è dolce, pieno e rotondo, con una buona acidità che mitiga la dolcezza. Ideale come vino da meditazione il Breganze Torcolato può essere altrettanto apprezzato in felici abbinamenti con foie gras, formaggi stagionati o erborinati, pasticceria secca.
Ee è proprio con i formaggi che il Torcolato scatena un intreccio di emozioni in grado di sviluppare nuovi aromi ed equilibri. La degustazione “formaggio-Torcolato” non si basa sull’assonanza dei gusti, bensì sul contrasto tra le sensazioni espresse dal formaggio (dolce, salato, sapido, speziato, piccante, ecc) e il dolce unito alla particolare acidità espressa da questo vino.

Per provarlo a casa, i formaggi consigliati sono: l’Erborinato di Capra, la Robiola di Roccaverano, il Roquefort, il Gorgonzola Naturale, lo Stilton, il Comté, il Bitto e il Caciocavallo affumicato.
Okkio! Se assaggiate durante il giro delle cantine, fate guidare l'auto ad un amico/amica astemia.

Nessun commento:

Posta un commento

Se passi a trovarmi, lascia un commento. Grazie.