Cerca nel blog

martedì 3 maggio 2011

Fritole co la “maresina”

Ne avete mai sentito parlare? Si tratta di frittelle “povere”, conosciute e diffuse credo solo nella mia zona e nelle vicine Arzignano e Chiampo; sono ottenute con un impasto a base di farina, uova, sale, acqua gasata molto fredda (o latte o birra) e lievito a piacere; si può aggiungere anche scorza di limone grattugiato, oppure grappa. Le varianti più ricche prevedono del riso lungamente bollito.



Componente fondamentale è l’Erba Amara o Matricale, detta anche Atanasia o Tanaceto (Chrysanthemum vulgare, var. Parthenium), che conferisce a queste frittelle un bel colore verde ed un inconfondibile sapore amarognolo, aromatico ma gentile, tanto che l’erba é detta, non a caso, “Maresina”. Se ne utilizzano le foglie, che vengono raccolte quando la pianta non è ancora in fiore.



Nelle zone dove vivo io, di riflesso alle celebri frittelle, la Maresìna é ingrediente pure di torte e frittate. Mia nonna era solita preparare una specie di torta, che friggeva nella farsora, e che chiamava “tortolo”: l’impasto era un po’ come quello delle frittelle, con l'aggiunta di fecola di patate, ma veniva servita come dolce, spolverata di zucchero.

Le frittelle presentano una forma allargata e piatta, con un diametro di 7-8 cm; vanno fritte in pochissimo olio e fatte girare di continuo.
Si devono servire subito, ancora calde, a piacere cosparse di zucchero semolato che viene meno assorbito dalle frittelle calde.
A me piace servirle non zuccherate, come aperitivo. Solitamente, con la stessa pastella, friggo anche alcune foglie di salvia e, se è la stagione giusta, alcuni fiori di acacia e di zucchino. Possono però essere utilizzate anche come contorno a piatti di carne, assieme anche ad altre verdure pastellate. Il gradimento è sempre molto alto: provare per credere!

1 commento:

  1. che bello, non si finisce mai di imparare..
    non sapevo di queste frittelle, nè di questa erba aromatica, ora sono curiosissima di trovarla, ma lo potrò fare solo quando torno in Friuli....qui nell'hinterland milanese non è possibile...

    RispondiElimina

Se passi a trovarmi, lascia un commento. Grazie.