Cerca nel blog

giovedì 9 maggio 2013

Stufa del tuo capo? Portalo al mercato.



Stamattina proprio non sono riuscita ad ignorare questa simpatica cartolina. 
Passavo, per caso.  E per caso ho letto: "Stufa del tuo capo?" 
Istantaneamente si è aperto un mondo, una specie di stream of consciousness, un rosario interminabile di pensieri. 
E mi sono ritrovata tra me e me, a bofonchiare sul capo, sulla capa, sui capetti; ad elencare tonnellate di situazioni che mi tocca subire e delle quali sono veramente stufa e a sognare di poter portare tutto al mercato.
Ero talmente concentrata nel mio "BASTA!" interiore, che non ho più pensato alla cartolina. 

Dato che l'ho portata con me in borsa, una volta a casa l'ho ritrovata. 
Recuperata un po' di serenità, ho visto che si tratta di una interessantissima e molto ben orchestrata pubblicità di alcuni punti di raccolta organizzati da Prisma Ambiente, presso i mercati che si svolgono a Vicenza al Quartiere Santa Croce Bigolina in via Fratelli Rosselli e Laghetto in via dei Laghi. 

Attenta come sono nel segnalare queste iniziatve, non posso non rendervene partecipi. 
Infatti dal 10 maggio e ogni primo venerdì del mese, dalle ore 8 alle ore 13, nei luoghi che vi ho citato, vengono raccolti capi di abbigliamento in buono stato quali abiti, maglieria, biancheria, cappelli, coperte e scarpe.
La raccolta riduce la quantità di rifiuti massimizzando il recupero.  Gli indumenti saranno trasformati  nell'impianto di selezione di Vicenza impegnando persone svantaggiate del territorio.
Vorrei citarvi, a tal proposito, alcuni numeri:
Ogni anno le Cooperative Sociali del Consorzio Prisma recuperano oltre 1200 tonnellate di indumenti usati tramite i contenitori dislocati lungo le strade, nelle isole econogiche e nelle riciclerie presenti in 60 comuni della Provincia di Vicenza. 
Il settore indumenti usati impiega attualmente nel complesso 24 persone di cui 13 svantaggiate, più del 50%.

Quindi, se non vi sarà possibile  portare il "capo" al mercato, ricordatevi di non gettare capi di abbigliamento in buono stato, magari fuori taglia o che non vi piacciono più,  perchè possono ancora rappresentare una risorsa per riuso o riciclo. 


3 commenti:

  1. Geniale...non soltanto l'iniziativa, anche tu ...troppo simpatico questo post! L'inizio davvero eloquente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mitica Arianna, che sei passata da me.

      Elimina
    2. E' talmente bello questo post...che mi permetterei di segnalarlo...avevo giusto pensato, dato che ho letto il libro spassosissimo "Testa di Capo", di implementarne uno con questa similitudine...
      Fammi sapere.
      Baci.

      Elimina

Se passi a trovarmi, lascia un commento. Grazie.