Cerca nel blog

martedì 26 maggio 2015

Numero 545 del catalogo

Nei giorni scorsi un caro amico mi ha fatto dono di questa maschera in ceramica. 



Agli inizi non mi sembrava un granchè: era piuttosto impolverata, ma non aveva l'aspetto di uno di quei pezzi realizzati in serie e ad uso e consumo dei turisti di passaggio a Venezia. L'ho infilata in borsa e fino a sera me ne sono dimenticata.
Al mio rientro a casa la maschera si è fatta notare da sola, dato che la mia borsa “ha suonato” in un modo diverso nel momento in cui l'ho appoggiata sulla solita mensola ed è stato allora che me ne sono ricordata.
Sottoposta ad una semplice pulizia, sono stata sorpresa dai suoi colori vivi e brillanti.
Il retro reca la firma del ceramista ed il numero di catalogo 545. 
E qui è nata la curiosità di volerne sapere un po' di più. 

Si tratta di una ceramica dipinta a mano e firmata da Giovanni Girardi; le dimensioni sono cm. 14,3 x cm. 14 x cm. 5,8 di spessore; può essere esposta sia come soprammobile che appesa al muro, infatti sul retro ci sono due fori per poter passare un piccolo cordino.

Scultore e modellatore Giovanni Girardi, già collaboratore della torinese "Lenci" negli anni precedenti il secondo conflitto mondiale, fonda a Vicenza, nel dopoguerra, lo studio d'arte ceramica  "Moulin Rouge" rimasto attivo solo pochi mesi, dove realizza lavori di ceramica artistica di grande qualità.
Negli anni successivi, sempre a Vicenza, fonda la manifattura "Diana" per la produzione di ceramiche artistiche attiva in zona San Bortolo.
Tra gli artisti che operano presso la manifattura ricordiamo, nella seconda metà degli anni Cinquanta Toni Moretto, Adriano Colombo e Giovanni Duso; tutti e tre lasciano la manifattura nel 1959 per fondare, a Milano, il laboratorio ceramico "Lo Scricciolo".
Nel 1958 la manifattura Diana è presente alla Mostra dell'artigianato di Verona.
 
Sovente le ceramiche di questa manifattura presentano, come marchio di fabbrica, la scritta Girardi o le sole iniziali G G.
Le ceramiche realizzate da questa manifattura per l'esportazione possono presentare la scritta "Cardel" seguita da made in Italy.

Così, senza rendermene conto, mi sono ritrovata tra le mani un pezzo speciale, che ha una storia.
Un grazie speciale a quel mio amico speciale.
 


2 commenti:

  1. È molto bella! Davvero un bel regalo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la tua visita ! Anch'io passo da te, ma mi dimentico di commentare...

      Elimina

Se passi a trovarmi, lascia un commento. Grazie.